SUOR IGNAZIA
                I Progetti: la chiesa

  I Progetti
  Il Mulino
  LA NUOVA CHIESA
  Fotografie  
  I Pozzi d'acqua
  La Polivalente
  Il Centro Mugutu
  Home page
    LA NUOVA CHIESA di RWEGURA








Sono tornata a Rwegura nell'agosto del 2004 dopo qualche anno vissuto a Nyamurenza e subito abbiamo colto l'urgenza di occuparci della nostra chiesa.
La vecchia chiesa (un capannone), intitolata a san Giuseppe operaio, era ormai insufficiente.
Era urgente un suo ampliamento e una ristrutturazione profonda; il progetto prevedeva l'aggiunta della sagrestia, del campanile e di altri servizi necessari.
A darci una mano per organizzare e pianificare il lavoro sono stati incaricati due volontari, a noi suore molto preziosi e conosciuti in tutto il Burundi: Guido Marinoni, di Bagnolo Mella, e l'ex missionario don Facchi.
Il 2004 e il 2005 sono stati due anni interamente dedicati a questo progetto.
L'opera della nuova Chiesa è stata un grande segno di solidarietà per la popolazione barundi; per questo voglio sottolineare le date più significative che hanno segnato le tappe più significative della realizzazione della nuova chiesa:
  • Domenica 14 agosto 2005: il campanile con la campana è finito e da domenica 14 agosto suona per chiamare i fedeli alla preghiera domenicale. La campana ha un suono squillante che si sente da tutta la vallata di Rwegura fino a coloro che sono in foresta o al lago. Lascio immaginare la gioia della gente il vedere (sentire) la campana suonare: grandi e piccoli corrono per vederla nel suo movimento. Guido ha insegnato a suonarla ai nostri 4 guardiani notturni, poi ai catechisti che li aiuteranno.
    La campana è un grande avvenimento per la mia missione di Rwegura e dintorni.
  • Domenica 28 agosto: il pavimento alla chiesa è ancora fresco ma abbiamo potuto fare le prime celebrazioni nella grande e nuova chiesa; non ci sono ancora le finestre (16) e le porte (4), ma questo è per i Barundi un dettaglio a cui sono abituati. Attorno alla vecchia chiesa si sta progettando un porticato (bazar), in modo che diventi più spaziosa.
    Si sta anche riflettendo su come abbellire la facciata in modo che da lontano si possa vederla bene e capire che quella grande costruzione è la casa di Dio.
    Il Signore ci assiste perché finora non c'è stato alcun incidente sul lavoro... Speriamo di terminarla entro due mesi; si sa che le finiture vanno sempre per le lunghe lunghe...
  • Ottobre 2005 - La nuova chiesa è ultimata: è con grande gioia che vi mando i più cordiali saluti con le notizie del "Progetto Chiesa"; i lavori di allargamento della chiesa sono finiti e tutto si è svolto bene.
    Ecco finalmente costruita la casa del Signore; è molto bella, invita alla devozione, al silenzio, al raccoglimento e all'ascolto della voce di Cristo. Ecco la chiesa di pietre e di mattoni! A noi fedeli il dovere di essere Chiesa viva, pietre ardenti che testimoniano al mondo l'Amore di Cristo e la fedeltà alla sua Chiesa. Cerchiamo di essere discepoli del suo Vangelo come unico messaggio di salvezza.
Per ultimo un doveroso ringraziamento per gli aiuti che ho ricevuto (e che spero non ci abbandonino) per realizzare questa importante opera.
La solidarietà è sempre un fatto sconvolgente e in questa occasione lo è stato ancora di più perché sono arrivati aiuti da ogni parte d'Italia, dalla Franciacorta, dalla provincia bresciana ma anche dalla Liguria e da altre zone d'Italia.
GRAZIE!


Ecco la nuova "Casa del Signore" - GRAZIE!

Rwegura 10 ottobre 2005

Carissimi, è con grande gioia che vi mando i più cordiali saluti accompagnati dalle notizie sul "Progetto Chiesa".
I lavori di allargamento della chiesa sono finiti. Tutto si è svolto bene, incominciando dai nostri quattro amici italiani che hanno dato inizio al progetto; essi si sono dati da fare per risolvere alcuni problemi di terreno e per garantire la stabilità della nuova costruzione.
Sono rimasti con noi un mese per iniziare il progetto e, dopo la copertura del tetto, sono rientrati in Italia molto stanchi ma felici di essere riusciti a costruire una dignitosa casa del Signore. Guido, invece, è rimasto fino alla fine dei lavori; ancora oggi ammiriamo il suo buon cuore e la sua generosità.
Ora i nostri fratelli barundi sono felici di poter avere un posto in chiesa, di rimanere in preghiera prolungata, di essere tutti riuniti nella casa di Dio e protetti dal sole e dalla pioggia.
Tutti, grandi e piccoli, hanno collaborato portando pietre e trasportando materiale. Mentre lavoravano con gioia, esclamavano molte espressioni di lode e di gratitudine. Dalla loro bocca uscivano spesso parole augurali ricche di Fede e di Amore a Dio nostro Padre. Basti dire che in tre giorni riuscivano a portare (a mano) pietre pari ad un carico di 5 camion... e ne abbiamo usate moltissime.
Ecco finalmente costruita la casa del Signore; è molto bella, invita alla devozione, al silenzio, al raccoglimento e all'ascolto della voce di Cristo.
Ecco la chiesa di pietre e di mattoni! A noi fedeli il dovere di essere Chiesa viva, pietre ardenti che testimoniano al mondo l'Amore di Cristo e la fedeltà alla sua Chiesa.
Cerchiamo di essere discepoli del suo Vangelo come unico messaggio di salvezza.
A Rwegura regna serenità e Pace; questo è il Dono che cerchiamo di essere per i nostri fratelli barundi.
Ora essi hanno il Dispensario, la Maternità e una Chiesa che emerge in mezzo alle colline verdeggianti della piantagione di té.
Carissimi, siamo molto riconoscenti a quanti hanno collaborato con gesti di concreta solidarietà, o a coloro che, in altri modi, hanno dimostrato sensibilità e condivisione di vita; vi diciamo il nostro più sentito: "GRAZIE DI CUORE!".
Ad ognuno assicuriamo la nostra gratitudine nella preghiera quotidiana.
I nostri cristiani in diverse espressioni hanno detto che pregheranno sempre per voi, per le vostre intezioni e per i vostri cari.
Auguro tutto il Bene che attendete da Dio; Egli vi Benedica.
Con grande riconoscenza e affetto fraterno.

Suor Ignazia e Comunità


 
    SEMPRE A SERVIZIO DEL POVERO